Omicidio delle bretelle con la bandiera spagnola: antisistema indipendentista condannato a 5 anni

Condividi

 

Rodrigo Lanza, l’antisistema indipendentista che nel 2017, in un bar di Saragozza (Aragona), pestò di botte e pugnalò a morte Víctor Laínez, 55 anni, un uomo che indossava le bretelle dei colori della bandiera spagnola (link notizia qui), è stato condannato a 5 anni di carcere.

La giuria ha giudicato Lanza, che aveva 33 anni quando si sono verificati gli eventi descritti, colpevole delle lesioni che hanno causato la morte di Laínez due anni fa, giudicando però l’azione di Lanza involontaria, cioè che Lanza pur causando la morte dell’uomo, non aveva realmente intenzione di ucciderlo.

La giuria ha anche ritenuto che “la causa più probabile” della morte è stata la lesione cranica causata dalla caduta dell’uomo a terra che, sbattendo fortemente la testa, ha danneggiato mortalmente il cervello. I giurati hanno ritenuto che Lanza ha agito per motivi ideologici. Lanza antisistema e indipendentista, si scagliò contro Laínez perché questi indossava delle bretelle con i colori della bandiera spagnola.

Lanza aveva già dei precedenti: nel 2008 aveva aggredito un poliziotto lasciandolo tetraplegico.

 

link fonte

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *