La Sinistra spagnola e gli indipendentisti

Condividi

Tra la sinistra spagnola e gli indipendentisti catalani e baschi c’è ormai una sorta d’intesa che ha destabilizzato molto gli elettori di sinistra, diciamo che Podemos è troppo spesso un partito filo indipendentista pronto a stringere patti con indipendentisti baschi e catalani di destra (Junts pel Cat, PNV), repubblicani (ERC), antisiestema (CUP) ed abertzale (BILDU).

La sinistra per definizione dovrebbe essere l’idea politico che rompe le frontiere, non alza muri, non permette ai cittadini ricchi di autodeterminarsi ai danni della parte più povera della nazione. L’egoismo indipendentista, sorretto da slogan populisti e razzisti (la Spagna ci deruba), non può essere considerato interlocutore della sinistra.

Traduciamo una lettera di un lettore de ElPeriodico.com

Sia il separatismo catalano che basco sono basati sull’egoismo economico, sul suprematismo culturale, sul complesso di superiorità verso il resto degli spagnoli e dalla volontà di alzare frontiere. Non c’è nulla di più contrario ai valori tradizionali della sinistra: internazionalismo, unità, uguaglianza e solidarietà. La Spagna è l’unico paese al mondo in cui i partiti che si definiscono a sinistra sostengono i separatisti. È triste.

Tanto el separatismo catalán como el vasco se basan en el egoísmo económico, el supremacismo cultural, el complejo de superioridad muchas veces nada disimulado sobre el resto de españoles y la voluntad de levantar fronteras. No hay nada más contrario a los valores tradicionales de la izquierda: el internacionalismo, la unidad, la igualdad y la solidaridad. España es el único país del mundo donde partidos que se llaman de izquierdas apoyan a los separatistas. Es lamentable.

Cercare il nemico nel cittadino del sud, quel sud che è storicamente povero rispetto al nord industriale, chiamarlo ”bestia” oppure ”charnego”, dichiararsi ”migliore degli altri”, ”diverso dagli altri”, non è di sinistra. Non c’entra nulla con la sinistra. La sinistra è inclusione, non premia e non divide mai i cittadini poveri dai cittadini ricchi.

La Spagna ci deruba (Cartellone elettorale di ERC)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *