Pubblicato 13 Apr 2018

Aggiornato 13 Apr 2018

Tractoria: la zona della Catalogna a maggioranza indipendentista

Condividi

Tractoria è l’area della Catalogna che vuole l’indipendenza. Il nome ‘‘Tractoria” deriva da trattore perché gli indipendentisti vivono nell’entroterra, un’area rurale i cui abitanti sono perlopiù agricoltori ed allevatori ma, nelle grandi manifestazioni o quando c’è da bloccare le autostrade di accesso a Barcellona, i tractoriani si dirigono tutti a Barcellona a bordo dei loro trattori su cui ondeggia la bandiera indipendentista.

I simboli degli indipendentisti catalani sono:

  • La bandiera indipendentista
  • Il trattore
  • L’urna sacra del referendum
  • I politici in carcere e quelli fuggiti all’estero

Vediamo alcune curiosità

I Tractoniani sono nemici dei Tabarnesi e di chiunque altro sia contrario all’indipendenza della Catalogna, quindi sono nemici anche di Ciudadanos, il partito nato in Catalogna in opposizione ai partiti separatisti. Il leader di Ciudadanos, Albert Rivera, viene spesso preso di mira perché nel programma del partito c’è la legalizzazione delle droghe leggere, per tale motivo i Tractoriani chiamano Albert Rivera ‘drogato”.

Simbolo di Tractoria è il Trattore che erge la estelada (la bandiera indipendentista) come vessillo.

La Mona de Pascua, un tipico dolce pasquale spagnolo, nelle pasticcerie Tractoriane diventa una sorta di simulacro in onore ai leader indipendentisti in carcere raffigurati come pulcini.

Siccome la Mona de Pascua può avere varie forme, delle volte diventa una torta per celebrare l’Urna del referendum, oggetto venerato dai Tractoriani

Gli indipendentisti, anche detti tractoriani, portano in processione l’Urna sacra del referendum del 1 ottobre

I professori Tractoriani sfoggiano un lazo amarillo (nastro giallo) gigante per denunciare l’oppressione della Spagna (??!!)

In Tractoria si fanno anche strane manifestazioni indipendentiste notturne che Tabarnia, il movimento d’opposizione al separatismo catalano, chiama con ironia ”barbecue”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *