Pubblicato 04 Mar 2018

Aggiornato 08 Apr 2018

4 Marzo: Grande manifestazione Pro Spagna della Tabarnia

Condividi

Oggi 4 marzo a Barcellona si è svolta la prima grande manifestazione a favore della permanenza in Spagna da parte della “Tabarnia” e per rivendicare il diritto di essere Catalani e Spagnoli, sottolineando che essere catalani è sinonimo di essere spagnoli.

La Tabarnia è un territorio della Catalogna (Barcellona e Tarragona) che intende formare una nuova regione spagnola per scrollarsi di dosso la Catalogna rurale e indipendentista detta ”Tractorlandia” dai Tabarnesi in quanto il Trattore è molto utilizzato dagli indipendentisti per bloccare le autostrade (vi ricorda qualcosa?)

Oggi migliaia di persone si sono riunite nei pressi della statua di Rafael Casanova a Barcellona, la manifestazione ha poi interessato le grandi arterie della città fino a Piazza Sant Jaume, davanti al Palau della Generalitat della Catalogna. Assente in President ”in esilio” della regione Tabarnia, Albert Boadella, il drammaturgo che in passato si è scontrato spesso con l’indipendentismo catalano per le sue idee contrarie all’indipendenza.

In testa alla manifestazione il giovane barcellonese Jaume Vives divenuto noto perché promotore della Resistencia Catalana, il giovane infatti ha trasformato il balcone della propria abitazione (calle Balmes del quartiere Sarrà Sant Gervasi, Barcellona) in un palco per una festa tutta spagnola, intonando spesso la famosa canzone di Manolo Escobar Y Viva España, rappresentando così la resistenza catalana all’indipendentismo.

Jaume Vives è stato scelto dalla Plataforma per l’autonomia di Barcellona e Tarragona come rappresentante e portavoce della Tabarnia, la regione storica che comprende i territori di Barcellona e Tarragona che intende staccarsi dalla Catalogna e formare una nuova regione spagnola, (non una ”repubblica” come riportano inspiegabilmente alcuni giornali italiani).

Alcune foto della Manifestazione pro Spagna promossa da Tabarnia

Jaume Vives sul palco in Plaza Sant Jaume

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *