Pubblicato 18 Dic 2017

Aggiornato 08 Apr 2018

Elezioni Catalogna 21 dic 2017: cosa dicono i sondaggi?

Condividi
Cosa dicono i sondaggi sulle elezioni regionali della Catalogna di giovedì 21 dicembre 2017?

1° sondaggio

Mestroscopia per ElPais.com 

  • Ciudadanos (costituzionalisti) vince con 25,2% 
  • ERC (indipendentisti) segue con 23,1%
  • Junts pel Catalunya (indipendentisti) 14,3%
  • PSC (costituzionalisti) 14,3%
  • Comunes (ambigui) 9,3%
  • CUP (indipendentisti) 6,4%
  • PP (costituzionalisti) 5,4%

 

Il risultato del sondaggio dice che saranno los Comunes (Podemos) a decidere le sorti del governo regionale catalano.

2° sondaggio

Sondaggio de elPeriodico

  • ERC (indipendentisti) 21,3%
  • C’s (costituzionalisti) 21,2%
  • JxCat (indipendentisti) 18%
  • PSC (costituzionalisti) 16,9%
  • Comunes (ambigui) 8,8%
  • CUP (indipendentisti) 6,6%
  • PP (costituzionalisti) 5,6%

Secondo questo sondaggio la differenza tra ERC e C’s sarebbe irrisoria se si guarda ai voti, ma ERC otterrebbe più seggi del partito di Ines Arrimadas perché ERC ha maggiore consenso nella Catalogna rurale a maggioranza indipendentista, per via della legge elettorale i voti dell’entroterra e dei piccoli comuni valgono molto di più dei voti delle grandi città come Barcellona, quindi ERC otterrebbe 32 o 33 seggi, mentre C’s 27 o 28 seggi.

El confidencial fa la stessa analisi: Ciudadanos vincerebbe come percentuale di voti ma non otterrebbe la maggioranza dei seggi perché i votanti di Ciudadanos appartengono alla provincia di Barcellona, al contrario ERC otterrebbe meno voti ma più seggi perché i repubblicani regnano nella Catalogna rurale.

Pare che comunque gli indipendentisti di ERC siano pronti a qualunque cosa, anche alle intimidazioni e sotterfugi, per vincere, come svela questa intercettazione ambientale.

In tutto questo c’è un altro fattore che penalizza il voto dei costituzionalisti: il metodo elettorale che non prevede la segretezza del voto, non si vota dentro le cabine elettorali ma davanti a tutti, ne parliamo in questo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *