Pubblicato 11 Ott 2017

Aggiornato 06 Apr 2018

Quanto costa l’indipendenza catalana?

Condividi

 Quando costa ai contribuenti l’indipendenza della Catalogna?

Partiamo dagli stipendi dei leader indipendentisti, in totale 164 alte cariche della regione catalana percepiscono uno stipendio più alto di quello del Presidente del Governo Spagnolo Mariano Rajoy, che è di 79.756 € annui.

Vediamo gli stipendi degli indipendentisti:

  • Carles Puigdemont 140.000 € / anno  (80% in più di Mariano Rajoy, Presidente del Governo spagnolo), addirittura più dell’ex Presidente del Consiglio Italiano, Matteo Renzi (115.00 €)
  • Oriol Junqueras 109.663 € / anno
  • Jordi Turull 110.759 € / anno
  • Raül Romeva 110.759 € / anno
  • Jordi Pinyoles 81.395 €  / anno
  • Jordi Puig Nero Ferrer 84.919 € / anno
  • Josep Maria Trapero  84.649 €  / anno
  • Carme Forcadell 131.000 € / anno + 26.000 € per spese varie non tassate, totale 157.000 € annui
  • Joan María Piqué 75.123 € / anno
  • Anna Gabriel 73.144 € / anno +  26.086  liberi da imposte, totale 100.000 € annui
I contribuenti non pagano solo gli stipendi stellari dei loro stellati politici indipendentisti, pagano anche tutto l’apparato che il governo regionale indipendentista ha messo in piedi per raggiungere l’indipendenza.
  • 300.000 € /anno per la Delegación de la Generalitat en Madrid
  •  147.00 € / anno per la Casa de la Generalitat en Perpiñán (nel sud della Francia, che gli indipendentisti rivendicano loro territorio)
  • 39,6 milioni di euro costa solamente il Departamento de Exteriores (cioè tutta l’apparato di pseudo ambasciate catalane all’estero, di cui una anche a Roma). Nel 2017 il finanziamento è aumentato dell’80%
  • 1,42 milioni di euro costa el instituto Catalán Internacional para la Paz, che conta 14 impiegati
  • 3,3 milioni di euro costa  Intracatalonia, Agencia Catalana de Noticias
  • 29 milioni di euro per il Consorcio para la Normalización Lingüística (perché il catalano va coltivato)
  • 58,7 milioni di euro per l’Instituto Catalán de Empresas Culturales (per la promozione della catalanità)
  • 8,4 milioni di euro per il Consorcio del Instituto Ramón LLull (culla di fanatici catalanisti che inventano la storia di sana pianta)
  • 4,7 milioni di euro è costata la messa a punto della piattaforma tecnologica per consulta del 9 Novembre 2014
  • 1,45 milioni di euro costa il Centro de Estudios de Opinión, un agenzia di ”statistica” che ha come fine contare i catalani indipendentisti ed i catalani non indipendentisti

Questi sono solo alcuni numeri, i costi dell’indipendenza catalana sono esorbitanti, per ulteriori info in spagnolo cliccate sui seguenti link: ok diario la razon — abcel confidencial 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *