Pubblicato 14 Set 2017

Aggiornato 06 Apr 2018

La democrazia unilaterale dell’indipendentismo catalano

Condividi
 Gli indipendentisti catalani sembra abbiano inventato un nuovo modo di concepire la democrazia: la democrazia unilaterale.

Al contrario della ”normale” democrazia, la democrazia unilaterale catalana non può essere esercitata da chiunque, nessuno Stato può intraprendere azioni di democrazia unilaterale perché sarebbe, giustamente, fascismo, la democrazia unilaterale può essere solamente indipendentista catalana per essere davvero democrazia.

Il motivo è semplice: gli indipendentisti catalani sono la democrazia, i politici indipendentisti catalani sono talmente democratici da non dover sottostare a nessuna legge, possono ignorare il 52% della popolazione che alle ultime elezioni regionale catalane non hanno votato partiti indipendentisti, possono ignorare la Costituzione Spagnola votata dal 90% dei catalani nel 1978, possono ignorare le stesse leggi della regione catalana. Normalmente, questo potrebbe essere visto come un colpo di stato, come un abuso di potere, come una prevaricazione nei confronti degli elettori e dei cittadini catalani, ma a detta loro non è così, è democrazia, unilaterale.

Hanno inventato così la democrazia unilaterale.

Sentiamo Anna Gabriel del partito CUP che declama la democrazia unilaterale (minuto 1.55) in diretta su La Sexta (televisione spagnola)

 

Video del 6 settembre 2017 – La democrazia ”normale” non è d’accordo. Ines Arrimadas (Ciudadanos) lo spiega molto bene.

Carles Puigdemont risponde alle accuse dicendo che fare un referendum non è illegale (secondo lui e secondo la democrazia unilaterale, ovviamente) ma nel video precedente, Anna Gabriel ha spiegato benissimo che nessuno nella futura ipotetica repubblica catalana indipendente potrà agire come stanno oggi agendo i partiti indipendentisti, cioè nessuno potrà chiedere un referendum per votare la separazione di un territorio dalla Catalogna indipendente e nessuno potrà ignorare la legge.

Dobbiamo quindi pensare che la mitologica futura ipotetica repubblica catalana sarà uno stato oppressore e antidemocratico esattamente come lo è (a detta loro) la Spagna oggi. No, crediamo che sarà anche peggiore, uno stato dove vige la democrazia unilaterale è una dittatura, semplicemente una dittatura, fascismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *