Pubblicato 12 Set 2017

Aggiornato 08 Apr 2018

Gli indipendentisti catalani bruciano la bandiera europea durante la Diada 2017

Condividi
Diada Barcellona 11 settembre 2017

Gli indipendentisti catalani sono molti diversi tra loro, esistono varie anime, ed alcune entità, oltre ad odiare la Spagna, odiano anche l’Unione Europea. Molti partiti indipendentisti sono partiti antisistema, anti moneta unica, anti Unione Europea, etc etc.

Durante la Diada di ieri, alcuni ”attivisti” indipendentisti hanno bruciato la bandiera francese, la bandiera spagnola e la bandiera europea.

Chissà come ci si sente ad urlare DEMOCRAZIA mentre si odia il mondo tutto intorno.

Ne parlano
lavanguardiaeuropapresselmundoelconfidencial e tanti altri.

Non è la prima volta che succede, durante la Diada è ”tradizione” bruciare bandiere spagnole (lo stato oppressore), francesi (antichi nemici e confinanti), europee (incarna troppo il ”sistema”, d’altra parte l’Unione Europea, da quanto è nata, ha solamente evitato conflitti tra nazioni europee).

Bisogna anche dire che il piano per il post-indipendenza è quello di ”invadere” i territori circostanti la Catalogna per formare così la nazione Paisos Catalans, infatti gli indipendentisti catalani rivendicano anche un pezzo di Francia.

Ad ogni modo, l’indipendentismo catalano è sempre mostrato come un qualcosa di ”positivo” e soprattutto ”di sinistra”, ma di positivo e di sinistra non c’è nulla. Bisogna vivere per un po’ di tempo in Catalogna per comprendere come questo movimento sia uguale (se non peggiore) ai movimenti nazionalisti estremisti presenti in giro per il mondo e che negli anni scorsi hanno portato solo odio e distruzione tra le persone. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *