Pubblicato 20 Ago 2017

Aggiornato 06 Apr 2018

LE FIGARO ANALIZZA GLI EVENTI DI BARCELLONA CRITICANDO IL COMPORTAMENTO DEL GOVERNO REGIONALE CATALANO

Condividi

Le Figaro scrive un duro articolo ma molto lucido sulla gestione della sicurezza e sulla politica intrapresa dalla Generalitat della Catalogna, ricorda che nelle settimane precedenti l’attentato di Barcellona, la Generalitat aveva indotto a dimissioni il capo della polizia regionale Mossos d’Esquadra,  Albert Battle, per motivazioni legate proprio allo svolgimento del referendum separatista illegale  programmato per giorno 1 ottobre 2017, e l’arrivo di Pere Soler, ultra indipendentista. Le Figaro scrive chiaramente quello che in molti pensano, cioè che il governo regionale catalano si è molto impegnato per fare propaganda indipendentista, più che pensare a governare e cooperare per la sicurezza. L’esperto spagnolista de Le Figaro critica poi le parole dei leader indipendentisti quando questi sostenevano che la Catalogna sarebbe come la Svizzera, neutrale e pacifica, lontana da attacchi terroristici, ma evidentemente i fatti tragici accaduti in questi giorni smentiscono i leader indipendentisti. Le Figaro sostiene che la lotta al terrorismo di pratica attraverso lo Stato di Diritto, quindi la Catalogna deve rispettare i doveri e i diritti della Costituzione Spagnola del 1978. La violenza del 17 agosto ci ricorda che la democrazia è una costruzione permanente e chi cerca di imporre le proprie idee violando le regole stesse della democrazia indebolisce la difesa della democrazia stessa “, scrive le Figaro.

Le Figaro poi analizza i possibili risvolti politici degli attentati di Barcellona e Cmabrils dicendo che questi due tragici eventi hanno segnato un prima ed un dopo nella crisi politica spagnola, e starà alla politica catalana scegliere tra la lotta al terrorismo oppure i sogni di radicalismo separatista. In pratica esorta la coalizione indipendentista al governo a collaborare con il governo centrale spagnolo per vincere il terrorismo. L’autore dell’articolo,  Benoît Pellistrandi, scrive poi che la coalizione indipendentista JxSi, farebbe bene a staccarsi dall’alleanza con il partito politico CUP perché questo si è dimostrato essere vicino a posizioni molti radicali, e gli atti ostili organizzati dai militanti CUP verso i turisti ne sono un chiaro esempio. Conclude Le Figaro che “la violenza non può essere condannata da una parte e strumentalizzata dall’altro lato”.

qui l’articolo in spagnolo pubblicato da libertatdigital.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *