Pubblicato 19 Ago 2017

Aggiornato 06 Apr 2018

Barcellona: confusione installazione piloni e barriere antiterroristiche

Condividi

e-noticies.es Il vicesindaco di Barcellona chiarisce il ruolo dell’amministrazione comunale riguardo la mancata installazione di piloni e barriere antiterroristiche in città.

Gerardo Pisarello si è affiato a twitter per chiarire che la responsabilità della mancata installazione delle barriere antiterroristiche a Barcellona non è da attribuire alla giunta comunale ma all’assessore regionale della Generalitat della Catalogna, Raül Romeva (JxS), poiché forse fu questi non ha voluto seguire le istruzioni date dal Ministro dell’Interno spagnolo dopo gli attentati di Nizza e Berlino. Molti media però scrivono che la circolare del Ministero dell’Interno Spagnolo, un documento che richiedeva al Municipio di Barcellona di installare i piloni, grandi vasi e barriere di cemento armato, è stata ”modificata” dalla giunta di Ada Colau che disse di preferire l’intensificazione delle forse di polizia regionale di pattuglia per le strade di Barcellona.

Joaquim Forn, portavoce della polizia regionale catalana Mossos d’Esquadra, disse che era impossibile collocare barriere antiterroristiche in zone centrali della città perché queste avrebbero complicato il flusso di traffico a Barcellona.

ElMundo.es La Polizia Nazionale Spagnola in data 20 dicembre 2016 aveva richiesto esplicitamente tramite un documento scritto per mano di Florentino Villabona, commissario generale della Seguridad Spagnola. Villabona disse, come si legge nella circolare “I municipi spagnoli dovranno installare grandi vasi o piloni all’accesso delle strade, in modo da impedire o rendere difficile l’ingresso di veicoli, permettendo solo l’accesso controllato tramite autorizzazione”

FOTO ELMUNDO.es Medidas de protección espacios públicos, bolardos

Riassumendo, crediamo che la Spagna debba unirsi mettendo da parte questa guerra regionale istituzionale su chi deve decidere cosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *