Pubblicato 03 Lug 2017

Aggiornato 08 Apr 2018

Orwelliano “Programma 2000” di Jordi Pujol

Condividi

I leader indipendentisti hanno sempre sostenuto che il processo indipendentista catalano è qualcosa che nasce dal basso e investe la società fino ad arrivare alla politica vera e propria. Non è esattamente così. La Catalogna ha sempre avuto una percentuale (bassa) di indipendentisti ma mai fondamentalisti, mai un pezzo della popolazione catalana è stata così carica di odio verso la Spagna. Tutto riconduce al Programma 2000 ideato da Jordi Pujol e poi portato a termine da Artur Mas e Carles Puigdemont.  Vediamo di cosa si tratta.

L’indipendentismo in questi ultimi anni è cresciuto e, soprattutto, si è radicalizzato, è diventato cioè un movimento che non ammette altro credo, altro pensiero, altra soluzione che l’indipendenza. La famosa democrazia esiste in funzione di affermare l’indipendenza della Catalogna, stop.

Una parte della popolazione è diventata così.

Cosa è successo?

Il processo indipendentista, così come noi oggi lo conosciamo, è stato architettato a tavolino da Jordi Pujol (ex presidente della Generalitat Catalana, dal 1980 al 2003) nel 1990. In un articolo de El Periodico de Catalunya del 28 Ottobre 1990 viene pubblicato tutto l’intero programma di catalanizzazione della società e sopratutto delle nuove generazioni, ecco solo alcuni esempi:

PENSIERO

  • Configurare della personalità catalana di uomini e donne
  • Abituare l’estero al concetto di Catalogna come una nazione separata dalla Spagna
  • Aumentare il numero delle nascite per potenziare la sostituzione biologica
  • Rinforzare l’anima sociale catalana
  • Rimarcare le nostre tradizioni e la nostra storia
  • Riunire e raggruppare differenti persone in associazioni per sviluppare il medesimo programma di catalanizzazione
  • promuovere materiale (foto, video, libri, giornali etc) che possa giovare al processo di sensibilizzazione di questo programma
  • Creare a Barcellona un ufficio d’investigazione sociologica e di studio sull’opinione pubblica.

ISTRUZIONE

  • Promuovere il sentimento catalano nei professori, nei genitori e negli studenti
  • Catalanizzare il programma scolastico
  • Realizzare il programma “El país a l’escola” (la Nazione a Scuola)
  • Stimolare, nei professori e negli alunni, il sentimento catalano
  • elaborare materiale didattico (libri, testi, multimedia) in catalano e da una prospettiva catalana
  • Potenziare l’Associazione Catalana di Professori Universitari e le associazioni di studenti nazionalisti
  • potenziare le personalità di ideologia nazionalista negli organi direttivi delle tre università catalane

MEZZI DI COMUNICAZIONE

  • Programmare solo in catalano in tutti i canali televisivi e radiofonici
  • Creare un’opinione nazionale
  • potenziare la stampa in catalano
  • creazione dei codici di comunicazione: indurre le imprese e le pubblicità a creare un messaggio pubblicitario positivo che trasmetta il modello culturale e sociale catalano
  • introdurre persone nazionaliste nei luoghi chiave dei mezzi di comunicazione
  • Favorire e concedere aiuti alle emittenti con programmazione catalana

ASSOCIAZIONI CULTURALI E DI SVAGO

  • Catalanizzare le attività sportive e ludiche specialmente nelle aree meno catalanizzate
  • Creare associazionismo giovanile e culturale con la vocazione di Creare la Nazione
  • Campagna di catalanizzazione delle federazioni sportive

L’articolo continua elencando tutti i modi in cui catalanizzare le imprese e la pubblica amministrazione.

Tutti questi punti, e gli altri che non abbiamo elencato perché si tratta di un articolo davvero molto ampio, sono stati attuati nel corso del tempo, hanno funzionato molto bene, la società catalana indipendentista è cresciuta moltissimo rispetto a 20 anni fa, ma non è cresciuta in modo ”sano”, cioè coltivando un particolare amore e cura per la propria terra e nel rispetto delle proprie tradizioni, è stato più un voler innescare il seme del catalanismo più puro e duro, utilizzando ogni mezzo e ogni stratagemma.

Facciamo alcuni esempi pratici dei frutti che il Programma 2000 ha dato:

  • La Catalogna gestisce l’istruzione catalana, dove si studia in catalano e al castigliano (lo spagnolo), pur essendo la lingua più parlata dai catalani, sono dedicate 2 ore a settimana.
  • Le Associazioni indipendentiste come ANC e Omnium sono state largamente finanziate dalla Generalitat, grazie ai soldi pubblici sono cresciute, hanno inglobato sempre più gente, possiedono delle riviste proprie che vengono distribuite gratuitamente nei luoghi pubblici, il loro potere è cresciuto talmente tanto da riuscire a mobilitare e dirigere a loro piacimento una moltitudine di persone. Le due associazioni organizzano da 6 anni anche la Diada di Barcellona.
  • Le insegne dei negozi devono essere scritte in catalano e mai in spagnolo, altrimenti la Generalitat ti fa la multa.
  • Le indicazioni della metro, soprattutto le tratte nuove, sono scritte solo in catalano.
  • Tutto ciò che riconduce alla Spagna e all’Unità nazionale è visto come ”Fascismo”.
  • Si erogano finanziamenti solo ai media che promuovono il catalanismo e il referendum, ormai divenuto un must.
  • I libri di scuola dei bambini si riempiono di falsi storici: la Guerra Civile spagnola diventa la guerra tra la Catalogna e la Spagna, la Catalogna diventa una nazione a sé colonizzata e dominata dalla Spagna, la Catalogna è presentata come la ”madre” di una nazione ”storica” (mai esistita, in realtà) che si chiama Paisos Catalans, etc.
  • La stessa squadra di calcio del Barça si è trasformata nella bandiera internazionale dell’indipendentismo, salvo poi voler continuare a giocare nella Liga e competere per la Coppa del Rey.

Ricordate 1984 di George Orwell?

Qui trovate l’articolo completo de El Periodico de Catalunya

captura-de-pantalla-2015-11-25-a-las-22-45-35

captura-de-pantalla-2015-11-25-a-las-22-45-54


“Tutti i documenti sono stati distrutti o falsificati, tutti i libri riscritti, tutti i quadri dipinti da capo, tutte le statue, le strade e gli edifici cambiati di nome, tutte le date alterate, e questo processo è ancora in corso, giorno dopo giorno, minuto dopo minuto. La storia si è fermata. Non esiste altro che un eterno presente nel quale il Partito ha sempre ragione.”

George Orwell 1984

2 pensieri riguardo “Orwelliano “Programma 2000” di Jordi Pujol

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *