Pubblicato 21 Giu 2017

Aggiornato 06 Apr 2018

Il municipio di Lérida rifiuta il referendum indipendentista.

Condividi
ros-apuesta (1)
Il sindaco di Lérida, Àngel Ros (PSC)

La principale notizia di oggi è che il municipio di Lérida (Lleida in catalano), ha ieri votato in seduta di consiglio comunale contro il referendum indipendentista del 1 ottobre 2017. Lo ha ufficializzato il sindaco di Lérida, Àngel Ros Domingo del PSC (Partito Socialista Catalano).

Il comune di Lérida non parteciperà al referendum indipendentista, essendo questo illegale cioè non riconosciuto dallo Stato e dalla Costituzione, pertanto il municipio di Lérida non fornirà i dati anagrafici degli aventi diritto e non metterà a disposizione gli edifici pubblici come seggi. La notizia era nell’aria, ma ieri è stata ufficializzata.

Lérida è la prima grande città, capoluogo di provincia, che rifiuta apertamente di prendere parte al referendum indipendentista del 1 ottobre 2017 proclamato dal Presidente della Generalità della Catalogna, Carles Puigdemont. Le altre grandi città capoluogo di provincia non si sono ancora pronunciate.

Oltretutto, il consiglio comunale, durante la stessa seduta ha votato a favore la proposta del gruppo consigliare di Ciutadanos di invitare la Real Federación Española de Fútbol (o la Nazionale under 21) a giocare nel campo comunale di Lérida. Il sindaco ha affermato che la Selección spagnola porterà visibilità a tutta la città.

 

Un pensiero riguardo “Il municipio di Lérida rifiuta il referendum indipendentista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *